Tempo stimato di lettura: 8 minuti

Mentre l’esercito di Vladimir Putin bombardava i soldati ucraini intrappolati nelle acciaierie di Azovstal a maggio, la petroliera Mariner III lasciava il porto di Tuapse, nella Russia meridionale, trasportando quasi 200.000 barili di petrolio.

Dopo cinque giorni in mare, la nave di 170 m (558 piedi) si fermava accanto a una petroliera più grande, la Marinoula, di proprietà greca, nelle acque al largo di Kalamata, in Grecia. Nelle 36 ore successive le due navi venivano collegate da grandi tubi di gomma mentre la Marinoula travasava parte del carico del Mariner. Dopo il trasferimento da nave a nave, la Marinoula salpava per il Regno Unito per attraccare a Immingham nel Lincolnshire, dove il 6 giugno sbarcava circa 250.000 barili di petrolio.

I registri ufficiali, tuttavia, dichiarano che il Regno Unito non ha ricevuto petrolio dalla Russia a giugno o a luglio. La spedizione è stata classificata e segnalata correttamente secondo i protocolli di segnalazione britannici e non vi è stata alcuna violazione delle regole marittime.

La Marinoula di proprietà greca ha attraccato a Immingham e ha scaricato circa 250.000 barili di petrolio
MANUEL HERNANDEZ LAFUENTE

Il carburante era uno degli almeno 39 carichi di petrolio russo, per un valore di oltre 200 milioni di sterline, arrivati nei porti britannici dopo l’invasione dell’Ucraina, ma classificati come importazioni da altri paesi. Quasi 80 milioni di sterline solo a giugno e luglio. In tutto, 778 milioni di sterline di petrolio russo sono arrivate in dieci porti del Regno Unito da marzo, secondo le statistiche commerciali britanniche.

Uno è arrivato la scorsa settimana. Mercoledì, la Delta Pioneer di 244 metri ha attraccato a Immingham, trasportando petrolio direttamente dalla Russia. Secondo i dati Refinitiv analizzati da Global Witness, un gruppo di ricerca, la nave ha portato in porto mezzo milione di barili di carburante. Non è ancora noto come sarà classificato il carburante.

I registri ufficiali mostrano che il petrolio russo del valore di circa 23 milioni di sterline arrivato a Immingham da marzo è stato registrato come importazione dalla Germania, dai Paesi Bassi e dal Belgio.

The Delta Pioneer a crude oil tanker arrives at Immingham docks on the Humber in Lincolnshire after travelling from Russia
La Delta Pioneer, una petroliera che trasporta petrolio greggio, arriva a Immingham e attracca sull’Humber nel Lincolnshire dopo essere partita dalla Russia
ANDREW MCCAREN PER THE SUNDAY TIMES

Il Sunday Times ha monitorato quattro navi che hanno trasportato più di un milione di barili di petrolio russo a Immingham.

Due dei carichi hanno richisto trasferimenti da nave a nave, mentre un terzo ha portato petrolio russo da Rotterdam. Almeno 13 spedizioni, compresa quella di Marinoula, sono arrivate a giugno e luglio.

Il porto di Thamesport, a est di Londra, ha ricevuto 130 milioni di sterline di petrolio dalla Russia da marzo. Queste sono state classificate come importazioni dalla Polonia, dal Belgio e dai Paesi Bassi.

Leggi anche:  Dall’Iraq alla Siria, i curdi sotto il tiro incrociato di Teheran e Ankara

L’8 marzo Boris Johnson, allora primo ministro, annunciò un piano per eliminare gradualmente le importazioni di petrolio russo. Il giorno seguente in un dibattito alla Camera dei Comuni, Kwasi Kwarteng, allora segretario agli affari, disse che il Regno Unito “deve porre fine alla sua dipendenza da tutti gli idrocarburi russi”, aggiungendo che il Regno Unito si stava unendo agli alleati per fermare l’importazione di petrolio russo.

“Le nostre sanzioni commerciali, finanziarie e personali stanno avendo un effetto sull’economia russa”, ha detto Kwarteng. “Il governo britannico ha inviato un messaggio chiaro al regime di Putin e a coloro che lo sostengono nella sua guerra contro l’Ucraina”.

L’importazione di petrolio russo nel Regno Unito è legale fino al 5 dicembre, quando tutte le importazioni saranno bloccate. Fino ad allora, c’è un rischio reputazionale per i paesi e le aziende che si vedono importare petrolio russo.

COME IL PETROLIO RUSSO ARRIVA NEL REGNO UNITO – 1. La petroliera Mariner III lascia il porto di Tuapse, in Russia, carica di petrolio e si dirige verso il Mar Nero. 2. Si ferma al largo di Kalamata, in Grecia, e ormeggia accanto alla petroliera Marinoula. 3. Per 36 ore il petrolio viene pompato dalla Mariner III nella Marinoula. La marinoula prende quindi il largo alla volta del regno unito. 4. La Marinoula attracca nel porto britannico di Immingham e scarica 250.000 di petrolio. Il petrolio viene registrato come importato dall’Olanda. Grafica: The Times e The Sunday Times. Fonte: MarineTraffic

Tuttavia, gli esperti marittimi affermano che il modo in cui il Regno Unito registra le importazioni, nonché l’aumento dell’uso dei trasferimenti da nave a nave, renderà difficile per il Regno Unito sanzionare il petrolio russo.

Quando entrano in porto, le navi devono specificare il paese di origine del loro carico, nel caso del petrolio, dove viene raffinato. I dati sulle importazioni di petrolio sono compilati dall’Office for National Statistics (ONS) e da HM Revenue & Customs. HMRC registra il valore di una spedizione, il paese da cui è stata spedita e il suo paese di origine.

Queste informazioni sono raccolte dall’ONS. Tuttavia, è il paese di spedizione che viene utilizzato per misurare la nazionalità di un’importazione, non il paese in cui è stata prodotta. Ciò significa che un carico di merci di fabbricazione cinese potrebbe essere registrato come proveniente dalla Germania se importato nel Regno Unito da un’azienda tedesca.

Eurostat, che produce statistiche commerciali per i paesi dell’UE, classifica invece le importazioni in base al paese di origine.

DOVE VA IL PETROLIO RUSSO? Quanto petrolio russo hanno ricevuto i porti britannici come importazioni da altri paesi? 
Dati da marzo. Mappa: The Times e The Sunday Times • Fonte: Ufficio per le statistiche nazionali, HMRC

L’ONS ha riferito che il Regno Unito non ha importato petrolio dalla Russia a giugno. Un documento di ricerca di Commons, utilizzato per informare i parlamentari, ha affermato che non ci sono state importazioni di petrolio russo a giugno o luglio.

La stessa statistica è stata twittata da Kwarteng il 24 agosto e ripetuta in un dibattito parlamentare.

Tuttavia, i dati dell’HMRC mostrano che i porti britannici hanno ricevuto più di 78 milioni di sterline di petrolio russo a giugno. Queste sono state segnalate come importazioni dai Paesi Bassi, dall’Estonia, dalla Polonia o dal Belgio. Altri 1,5 milioni di sterline di petrolio russo sono arrivati ​​nei porti del Regno Unito a luglio e sono stati registrati come importazioni da Francia, Paesi Bassi, Germania e Lettonia.

Leggi anche:  Von der Leyen e UE preparano la rapina del secolo

Sir Iain Duncan Smith, l’ex leader del partito conservatore, ha affermato di voler sollevare alla Camera dei Comuni la questione di come sono state registrate le importazioni russe.

“È ora che questa ovvia scappatoia venga chiusa”, ha detto. “Chi può dire quanto petrolio si è fatto strada nel mercato, etichettato erroneamente e quindi evitare . . . sanzioni [contro la Russia]? Il governo dovrebbe agire per porre fine a queste pratiche una volta per tutte”.

Il petriolio spedito da un paese viene spesso miscelato e immagazzinato con petrolio proveniente da altri paesi. “È così che funziona il petrolio in tutto il mondo”, ha affermato Viktor Katona, analista senior del greggio presso Kpler, una società di analisi delle materie prime. “Non c’è modo di rintracciarlo una volta che è già nel serbatoio di stoccaggio e si è mescolato.”

Gli analisti marittimi affermano che i trasferimenti da nave a nave, che vengono utilizzati per aiutare le navi troppo grandi ad attraccare nei porti per scaricare il loro carico, stanno diventando più comuni dall’inizio della guerra in Ucraina.

The Black Sea port of Novorossiysk near Krasnodar in southern Russia
Il porto del Mar Nero di Novorossiysk vicino a Krasnodar nella Russia meridionale
ALAMY

Michelle Wiese Bockmann, analista di energia e spedizioni presso la rivista di spedizioni Lloyd’s List, ha dichiarato: “I trasferimenti da nave a nave sono diventati un metodo davvero utile per offuscare la destinazione e l’origine del carico. Gli iraniani l’hanno iniziata [quando erano sotto sanzioni], i venezuelani l’hanno perfezionata, i russi l’hanno ripresa e l’hanno seguita”.

Gli analisti Refinitiv monitorano i trasferimenti da nave a nave valutando il pescaggio di una nave – quanto si trova in basso nell’acqua e quindi quanto carico sta trasportando – e anche i sensori di posizionamento globale che ne danno la posizione.

Da marzo, i dati di Refinitiv mostrano che ci sono stati 267 probabili trasferimenti da nave a nave in tutto il mondo che hanno coinvolto petrolio russo. Circa un terzo si trovava nelle acque al largo di Kalamata. Uno ha avuto luogo al largo di Southwold, Suffolk. Potrebbero essersi verificati altri eventi, ma gli esperti di navigazione affermano che molte navi potrebbero disattivare i loro localizzatori di posizionamento globale per evitare il rilevamento.

Leggi anche:  Zelensky incastrato da Mosca e Washington

Il percorso della Marinoula è stato organizzato dalla società di commercio di materie prime Trafigura con sede a Singapore, che ha affermato di essere stata trasparente sul paese di origine del petrolio e di onorare un contratto concordato prima dell’invasione dell’Ucraina. Un portavoce ha aggiunto: “Trafigura rispetta tutte le sanzioni applicabili”.

Gli armatori della Marinoula, Eastern Mediterranean Maritime, hanno dichiarato di “rispettare e conformarsi pienamente a tutte le sanzioni imposte dall’Unione Europea e dal Regno Unito” e di “impegnarsi ad assistere gli importatori di energia europei nel loro sforzo per salvaguardare la sufficienza energetica e, a loro volta, prezzi dell’energia più bassi per i consumatori europei”. Non è stato possibile raggiungere il proprietario del Mariner III per un commento.

The Elli set off from Novorossiysk as the first Russian bombs hit Ukraine
La Elli è partita da Novorossiysk mentre le prime bombe russe colpivano l’Ucraina – ALEX VERVE/VESSEL FINDER

Una seconda petroliera, la Elli, è partita da Novorossijsk mentre le prime bombe russe colpivano l’Ucraina. Il 18 marzo ha intrapreso un trasferimento da nave a nave appena al largo della costa settentrionale del Marocco con una seconda nave, Ice Point, che si è poi recata a Immingham e ha scaricato un quarto di milione di barili di petrolio. Nessuno dei due armatori ha risposto alle richieste di commento.

Una terza nave, la Minerva Sophia, è arrivata a Immingham il 12 luglio trasportando petrolio ricco di zolfo raffinato a Kirishi, nel nord-ovest della Russia. Il petrolio, per un valore di quasi £ 400.000, è stato registrato come importazione dalla Germania o dai Paesi Bassi. Non si sa chi abbia importato il petrolio, ma il carico è stato acquistato e venduto a Rotterdam da Gunvor, una gigantesca società di commercio di materie prime.

Gunvor ha affermato di non essere responsabile della segnalazione alle autorità. Un portavoce ha aggiunto: “Gunvor è pienamente conforme ai requisiti di rendicontazione e alla documentazione applicabili per i prodotti che commercia. Gunvor aderisce inoltre pienamente a tutte le sanzioni economiche internazionali applicabili nei confronti della Russia”.

I proprietari della Minerva non hanno risposto alle richieste di commento. Un portavoce del governo britannico ha dichiarato: “Alla luce dell’invasione illegale dell’Ucraina da parte di Putin e dell’armamento dell’energia, il governo sta adottando misure per eliminare gradualmente il petrolio russo entro la fine dell’anno e le importazioni di gas naturale liquido russo il prima possibile in seguito“. 

Il portavoce di Associated British Ports, che rappresenta Immingham, ha affermato di non aver fatto nulla che contravvenisse alle sanzioni del governo.

I proprietari di Delta Pioneer, Delta Tankers, non hanno risposto a una richiesta di commento.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo:

Leave A Comment

Recommended Posts