Coronavirus, cosa è successo dove le scuole sono già state riaperte?

Il 28 marzo l’emergenza Covid teneva a casa (dati Unesco) il 90% degli scolari e studenti del mondo: 184 Paesi avevano chiuso le scuole, e restava a casa più di un miliardo e mezzo di bambini e ragazzi di tutto il pianeta. Oggi l’istruzione in presenza è ripresa in 77 Paesi; altri sono in pausa estiva e pronti a riaprire a settembre; sono a casa in tutto 1,06 miliardi di studenti. Ma rientrare a scuola è pericoloso?

GUARDA IL GRAFICO

SCUOLA E CORONAVIRUS, COSA SUCCEDE NEL MONDO

Per uno studio pubblicato dalla rivista Science “la ricerca sul tema ha poche certezze“; ma comparando alcuni Paesi dove la scuola ha riaperto “si notano ricorrenze rassicuranti. Serve, ad esempio, combinare “distanziamento, riduzione del numero di alunni e mascherine”.

Una “occasione persa” di studiare l’impatto del Covid sulle comunità scolari, protesta Science, è la Svezia: le scuole fino alle superiori sono rimaste aperte e l’obbligo scolastico – pena l’intervento dei servizi sociali – sempre in vigore. La legge sulla privacy dei ragazzi è molto stretta e così non ci sono focolai scolastici registrati. Ma la cronaca riporta la morte di un professore e il contagio di 18 adulti in una scuola di Skellefteå; e in una di Uppsala, dove un preside non ha comunicato che un professore era positivo, sono morti due dipendenti. Un sondaggio sierologico su 1.100 svedesi suggerisce che il 4,7% degli studenti si sia contagiato.

In pochi altri Paesi le scuole non hanno mai chiuso: perlopiù grazie a governi negazionisti, come Nicaragua e BielorussiaE a Taiwan, la cui “risposta modello” al Covid-19 ha compreso scuole aperte e tracciamento pervasivo.

La Danimarca, prima in Europa a riaprire le scuole il 15 aprile, ha visto calare i casi nazionali anche dopo. La strategia: dividere le classi in gruppi e fare, dove possibile, lezione all’aperto. Paesi Bassi: scuole riaperte dall’11 maggio, classi dimezzate per distanziare gli alunni, contagi generali rimasti stabili e poi calati. Finlandia: le classi sono rimaste le stesse, ma non si sono mescolate all’intervallo. Belgio e Austria: per settimane i bambini sono andati a scuola a turno. In nessuno di questi Paesi i contagi sono cresciuti.

In Israele le scuole sono riaperte dai primi di maggio: classi da 30-40 studenti. A differenza di altri Paesi, non si è riusciti a dividerli né a distanziarli. “Abbiamo puntato sulle mascherine, obbligatorie dai 7 anni in su” racconta a Science Efrat Aflalo, portavoce del ministero della Salute. In molti Paesi dove è abituale indossarle – Cina, Corea del Sud, Giappone, Vietnam – oggi le scuole le hanno imposte. Ma il timore è che i bambini finiscano per togliersele. “In realtà sono molto ligi“, ha spiegato ancora Aflalo. Sembrava funzionare. Poi, a fine maggio, un’ondata di caldo: medie di 40°. Le autorità sollevano i ragazzi dall’obbligo. Due settimane dopo -proprio il tempo di incubazione del virus – i primi focolai nelle scuole. Il più famoso al ginnasio Rehavia di Gerusalemme: 130 contagi. A metà giugno 355 scuole avevano richiuso.

La maggioranza degli Stati americani ha chiuso le scuole; eppure ora, in vista di settembre, la rete dei Centers for Disease Control and Prevention in un documento chiede di riaprirle: al vaglio di una trentina di studi disponibili a oggi, c’è scritto “il Covid-19 pone rischi bassi in età scolare, perlomeno in aree dove la trasmissione comunitaria non è alta“.
Appelli simili sono stati firmati dai pediatri del Regno Unito (dove solo da settembre tornerà l’obbligo e le scuole hanno riaperto finora in modo disomogeneo) e tedeschi. In Germania, dopo la riapertura (fra maggio e giugno, secondo i Länder), la percentuale di bambini tra i contagi è passata da 10% a 20% ; ma è perché al contempo sono diminuiti i casi fra gli anziani.

Fonte: Corriere della Sera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *