“La notizia di un possibile nuovo DPCM mette in allarme in queste ore l’intero sistema economico-finanziario e produttivo del Paese. L’irresponsabilità di questo Governo che per paura di affrontare la situazione con cautela e ragionevolezza, riprendendo la politica degli annunci è completa”. E’ quanto dichiarato da Alessandro Bertoldi, direttore esecutivo dell’Istituto Milton Friedman, associazione politico-economica italiana dedicata al premio Nobel Milton Friedman (nella foto).

“La situazione oggi è molto meno grave che nella prima ondata di Covid: i tamponi sono 10 volte di più rispetto a marzo, ma le morti 15 volte inferiori, così come i ricoveri ospedalieri – si legge nella nota – Questa situazione non può richiedere di adottare misure simili a quelle adottate nel periodo della prima ondata di contagi. Qualora il Governo intenda promuovere nei prossimi giorni misure eccessivamente restrittive delle libertà economiche ed individuali, sarà nostra premura coordinare con i nostri legali, le associazioni di categoria e i rappresentanti politici che lo vorranno per avviare un’azione legale, una class action, senza precedenti contro lo stesso Governo. Queste azioni legali hanno già avuto successo in altri Paesi dell’Unione europea”.

“Così fosse questo sarà il governo che passerà alla storia per aver affossato l’economia nazionale ed essere il più liberticida e irresponsabile che l’Italia abbia mai avuto” conclude Bertoldi.