Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Realizzata nel 1661, è custodita nella Torre di Londra

La corona di Sant’Edoardo, l’emblema ufficiale della monarchia britannica, è stata prelevata dalla Torre di Londra, dove viene custodita come pezzo centrale dei Gioielli della Corona, ed è in lavorazione per modificare il diametro e adattarlo alla testa di re Carlo III, in vista della cerimonia di incoronazione, in programma il 6 maggio del prossimo anno nell’Abbazia di Westminster, otto mesi dopo la successione al trono avvenuta alla morte di Elisabetta II.

Lo fa sapere Buckingham Palace, citato dalla Bbc.

L’attuale corona è stata realizzata nel 1661 per re Carlo II Stuart, dopo che quella originale, che si vuole risalisse al re Edoardo il Confessore (Sant’Edoardo, 1003-1066), uno degli ultimi re anglosassoni prima dell’unificazione dell’Inghilterra sotto la dinastia normanna. Ma aveva una forma molto diversa e fu fusa nel breve periodo della Repubblica e della Guerra civile dopo la decapitazione di re Carlo I nel 1649.

La seicentesca corona, la cui immagine sormonta l’emblema reale britannico, quello della Royal Mail e delle forze armate, è alta 30 centrimetri, larga 66 e pesa 2.23 chili. E’ composta da una base con quattro gigli alternati a quattro croci, sopra le quali gli archi sormontano un globo con una grande croce.

All’interno è presente un berretto di velluto bordato di ermellino. E’ realizzata in oro 22 carati, con 444 pietre dure: 345 berilli acquamarina, 37 topazi bianchi, 27 tormaline, 12 rubini, 7 ametiste, 6 zaffiri, 2 zirconi, 1 granato, uno spinello e un almandino.

Carlo ha annunciato l’intenzione di essere al centro di una cerimonia d’incoronazione più breve rispetto a quella della madre, ma tenendo però gli elementi centrali di una tradizione che si perpetua da oltre mille anni, compresa l’incoronazione della Regina consorte Camilla. Gli ospiti dovrebbero essere ridotti di un quarto, a circa 2.000 rispetto agli 8.000 che assisterono alle tre ore di cerimonia per Elisabetta nel 1953.

Fonte:
Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo:

Leave A Comment

Recommended Posts

Guerra

La sottile linea rossa

Siamo abituati a pensare alle leadership delle grandi potenze come un elite di persone consapevoli e lungimiranti, magari ‘buone’ o ‘cattive’ ma comunque capaci – appunto – di una visione di ampio respiro. Persino l’atteggiamento ‘complottista’ finisce col rafforzare questa convinzione. Ma […]

Ambiente

Sulle orme di Greta

Dopo che la Thunberg ha dichiarato di farsi da parte, manca un nome forte a cui passare il testimone di eroina green. Le candidate non mancano. Ecco chi sono e che cosa vogliono. AAA Cercasi disperatamente nuova Greta. Da quando l’icona svedese […]