Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Sono 50 in tutto, uno in più dello scorso anno, ma il patrimonio è sceso complessivamente a 161 miliardi di dollari, contro i 211,1 miliardi di un anno fa. Sono i Paperoni d’Italia, finiti nella classifica di “Forbes” di fine 2022: la lista è composta da 34 uomini e 16 donne.

Nessuna novità in cima alla lista: al primo posto della classifica resta Giovanni Ferrero: l’imprenditore piemontese a capo dell’azienda omonima chiude anche il 2022 in testa alla classifica degli italiani più ricchi, con un patrimonio di 34,6 miliardi di dollari. Segue a ruota la famiglia Del Vecchio (erede di Leonardo Del Vecchio, scomparso lo scorso giugno, 27,3 miliardi di dollari), mentre chiude il podio Giorgio Armani, che mostra una ricchezza di 7,8 miliardi di dollari.

Al quarto posto spicca Silvio Berlusconi (7,1 miliardi). Entrambi hanno scavalcato Massimiliana Landini Aleotti (5,4 miliardi), proprietaria dell’azienda farmaceutica Menarini, che resta comunque la prima donna in classifica.

Al sesto posto c’è Giuseppe De Longhi (4,4 miliardi) il presidente dell’omonimo gruppo leader in tutto il mondo nel settore degli elettrodomestici, al settimo troviamo Piero Ferrari (4,2 miliardi), il figlio del fondatore della casa di auto sportive più famosa del mondo. Seguono Augusto e Giorgio Perfetti (4,1 miliardi), proprietari di Perfetti Van Melle, il gigante italo-olandese delle caramelle che controlla marchi come Mentos, Chupa Chups e Golia. Chiudono la top ten l’imprenditrice della moda Miuccia Prada e suo marito Patrizio Bertelli (4 miliardi ciascuno).

Leggi anche:  I super ricchi inquinano un milione di volte di più di qualsiasi altro cittadino comune. La denuncia di Oxfam

Tra gli otto nomi nuovi in classifica, Giuseppe Crippa, fondatore di Technoprobe (3,8 miliardi). Tra le new entry, Susan Carol Holland (2,8 miliardi), figlia del fondatore di Amplifon, Isabella Seragnoli (2,6 miliardi), presidente e azionista unica dell’azienda bolognese di packaging Coesia, e Lina Tombolato (1,5 miliardi), vedova di Ennio Doris, scomparso nel novembre 2021.

Sette persone sono uscite dalla lista dei miliardari nell’ultimo anno. Tra loro ci sono Enrico Preziosi di Giochi Preziosi, Andrea Della Valle di Tod’s e i fratelli Emma e Antonio Marcegaglia. Sono usciti dalla classifica anche Luigi Cremonini (imprenditore dietro al Gruppo Cremonini) e Stefano Pessina. Quest’ultimo guida la multinazionale delle farmacie Walgreens Boots Alliance. La ragione, però, non è dovuta a un calo del suo patrimonio: nonostante sia nato a Pescara, Pessina è ora considerato da “Forbes” tra i miliardari monegaschi.

La top-10 dei miliardari di Forbes

  1. Giovanni Ferrero
    Patrimonio: 36,2 miliardi di dollari
  2. Famiglia Del Vecchio
    Patrimonio: 27,3 miliardi di dollari
  3. Giorgio Armani
    Patrimonio: 7,8 miliardi di dollari
  4. Silvio Berlusconi e famiglia
    Patrimonio: 7,1 miliardi di dollari
  5. Massimiliana Landini Aleotti e famiglia
    Patrimonio: 5,4 miliardi di dollari
  6. Giuseppe De’ Longhi e famiglia
    Patrimonio: 4,4 miliardi di dollari
  7. Piero Ferrari
    Patrimonio: 4,2 miliardi di dollari
  8. Augusto e Giorgio Perfetti
    Patrimonio: 4,1 miliardi di dollari
  9. Miuccia Prada
    Patrimonio: 4 miliardi di dollari
  10. Patrizio Bertelli
    Patrimonio: 4 miliardi di dollari
Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo:

Leave A Comment

Recommended Posts

Ambiente

Sulle orme di Greta

Dopo che la Thunberg ha dichiarato di farsi da parte, manca un nome forte a cui passare il testimone di eroina green. Le candidate non mancano. Ecco chi sono e che cosa vogliono. AAA Cercasi disperatamente nuova Greta. Da quando l’icona svedese […]

Guerra

Le sfide di un comandante

La guerra in Ucraina è il primo conflitto convenzionale e ad alta intensità combattuto sul continente europeo dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. I combattimenti, che compaiono negli aggiornamenti informativi, nei video e nelle foto condivise sui social media, avvengono con modalità […]

Filosofia

Libertà e insicurezza

John Barclay, nel suo profetico romanzo Argenis (1621), ha definito in questi termini il paradigma della sicurezza che i governi europei avrebbero più tardi progressivamente adottatto: «O rendi agli uomini la loro libertà o dai ad essi la sicurezza, per la quale abbandoneranno la […]