Tempo stimato di lettura: 3 minuti

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha annunciato  che l’UE si prepara a utilizzare i fondi della Russia, che la stessa UE ha congelato, per finanziare la «ricostruzione» dell’Ucraina.

Mosca ha definito illegali i sequestri e ha affermato che, di fatto, costituiscono un furto. A questo punto crediamo che si possa parlare ufficialmente di rapina.

«La Russia e i suoi oligarchi devono risarcire l’Ucraina», ha dichiarato il controversopresidente della Commissione Europea. «Abbiamo i mezzi per farla pagare alla Russia».

Se realizzato, questo sarebbe tra i più grandi furti riusciti nella storia.

La Von der Leyen ha proposto che l’UE ei suoi partner possano gestire i fondi e investirli a breve termine, con i proventi destinati all’Ucraina per compensare i danni causati dall’operazione militare russa.

«Lavoreremo su un accordo internazionale con i nostri partner per renderlo possibile. E insieme, possiamo trovare modi legali per arrivarci », ha detto, aggiungendo che  i legislatori UE starebbero proponendo l’istituzione di un tribunale specializzato, sostenuto dalle Nazioni Unite, «per indagare e perseguire il crimine di aggressione della Russia».

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha prontamente risposto: «avvertiamo ancora una volta che se si tratta della reale confisca dei beni di cittadini russi, imprese, riserve statali del nostro Paese, allora seguiranno inevitabilmente misure adeguate da parte russa. Non posso dire ora quali saranno – speculari, simmetrici o asimmetrici – perché bisognerà guardare all’insieme delle misure che verranno prese contro di noi, e quali misure verranno prese in risposta, ma saranno reciproche e vero, non ci sarà più nulla nell’aria e la responsabilità delle conseguenze, anche per gli interessi delle imprese europee, ricadrà esclusivamente su Bruxelles».

Leggi anche:  Chi è responsabile della guerra in Ucraina, chi se ne rallegra?

È stato giustamente sottolineato che un tale precedente distruggerebbe la reputazione della UE e quindi le possibilità di investimento esterno nei suoi Paesi, perché l’Europa diverrebbe all’istante un luogo dove non vige lo Stato di diritto, e il potere può eseguire confische a suo piacimento – in pratica, come una dittatura, una cleptocrazia afroasiatica a caso.

La Von der Leyen (che ricordiamo en passant che è lì grazie ai voti degli eurodeputati grillini)  ha specificato  che finora l’UE e i suoi alleati hanno bloccato 300 miliardi di euro (oltre 310 miliardi di dollari) di riserve della Banca Centrale Russa e hanno congelato 19 miliardi di euro di attività di individui russi.

Come riportato da Renovatio 21tale operazione senza precedenti – definita giustamente dal Financial Times come il primo vero atto di guerra economica della storia umana – è stata ingegnerizzata grazie all’aiuto decisivo di Mario Draghi, allora premier italiano con il grande bagaglio di expertise e contatti da ex presidente della Banca Centrale Europea.

«Von der Leyen ha chiamato Mario Draghi, Primo Ministro italiano, e gli ha chiesto di discutere i dettagli direttamente con [il segretario del Tesoro USA Janet] Yellen. “Stavamo tutti aspettando, chiedendo: “Perché così tanto tempo?” ricorda un funzionario dell’UE» rivelò ad aprile il Financial Times.  «Poi è arrivata la risposta: “Draghi deve fare la sua magia sulla Yellen”. Entro la sera, l’accordo era stato raggiunto».

La russofobia della Von der Leyen non si esprime solo con il colpo gobbo finanziario del secolo. Due mesi fa aveva aspramente criticato l’indecisione tedesca Ucraina, ordinando al governo di Berlino di «dare tutte le armi necessarie» a Kiev.

Leggi anche:  Great reset, dopo il contante c’è l’esproprio della casa

Bisogna notare che la Von der Leyen, quando era ministro della Difesa tedesco, era incappata in accuse dopo aver «ripulito» il suo cellulare che doveva divenire prova importante all’interno di uno scandalo di appalti militari. Una cosa non dissimile è capitata con i messaggini che si sarebbe scambiata con Albert Bourla, CEO di Pfizer, spariti nel nulla proprio quando le si chiede conto dei contratti per l’iniezione massiva di mRNA nei corpi di centinaia di milioni di europei. (Bourla ha riconosciuto la preparazione del presidente della Commissione sui sieri genici, ma non ha poi avuto il coraggio di presentarsi davanti ai deputati europei, mandando una sua sottoposta a fare l’ammissione sulla mancanza di test di trasmissibilità del COVID dopo il vaccino Pfizer).

Ursula è inoltre incappata in ulteriore scandalo basato proprio sull’mRNA, quando è emerso un conflitto di interessi con il marito, che lavora presso un’azienda di terapia genica, partecipante ad una cordata di aziende-università che dovrebbe intercettare fondi europei.

Fonte:
Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo:

2 thoughts on “Von der Leyen e UE preparano la rapina del secolo

  1. Libero pensatore

    Seguiranno misure simmetriche da parte della Russia , of course …

    1. Gasparinog

      Credo che la Von der Leyen si stia scavando la fossa con le Sue stesse mani. Dal momento che il Tribunale Europeo ha soprasseduto a tutti i Suoi crimini e misfatti , gettando nell’opinione pubblica Europea fumogeni per oscurare la fuorilegge Von der Leyen , i medesimi Giudici rei di complicità che dovrebbero essere processati all’ AIA, vorrà dire che alla prima ci penserà la mano di Dio una volta per tutte !

Leave A Comment

Recommended Posts

Ambiente

Sulle orme di Greta

Dopo che la Thunberg ha dichiarato di farsi da parte, manca un nome forte a cui passare il testimone di eroina green. Le candidate non mancano. Ecco chi sono e che cosa vogliono. AAA Cercasi disperatamente nuova Greta. Da quando l’icona svedese […]

Guerra

Le sfide di un comandante

La guerra in Ucraina è il primo conflitto convenzionale e ad alta intensità combattuto sul continente europeo dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. I combattimenti, che compaiono negli aggiornamenti informativi, nei video e nelle foto condivise sui social media, avvengono con modalità […]

Filosofia

Libertà e insicurezza

John Barclay, nel suo profetico romanzo Argenis (1621), ha definito in questi termini il paradigma della sicurezza che i governi europei avrebbero più tardi progressivamente adottatto: «O rendi agli uomini la loro libertà o dai ad essi la sicurezza, per la quale abbandoneranno la […]