Tempo stimato di lettura: 7 minuti

Durante un discorso al vertice dell’Apec (Asia-Pacific Economic Cooperation), il partenariato economico per i paesi dell’area asiatico-pacifica, il presidente francese Emmanuel Macron ha chiesto un “ordine globale unico”, una richiesta che non sorprende poiché Jacques Attali, l’uomo che ha “inventato” Macron, è uno dei più potenti architetti globalisti che plasmano il futuro.

Macron ha fatto le sue considerazioni mentre discuteva degli interessi di potere di Russia e Cina e della minaccia di guerra. “Siamo in una giungla – ha detto –  e abbiamo due grandi elefanti che diventano sempre più nervosi. Se diventeranno molto nervosi e inizieranno una guerra, sarà un grosso problema per il resto della giungla. Avremo bisogno della collaborazione di molti altri animali: tigri, scimmie e così via”.

Poi Macron ha chiesto: “Stare dalla parte degli Stati Uniti o della Cina? Ora, sempre di più, molte persone vedranno che ci sono due ordini in questo mondo, ma questo è un errore enorme, anche per gli Stati Uniti e la Cina. Abbiamo bisogno di un unico ordine globale”.

Come riportato in precedenza, se non avete mai sentito parlare del gestore di Macron, ovvero di Jacques Attali, la cosa potrebbe essere intenzionale. Tra gli architetti globalisti, Attali è l’eminenza grigia che non solo influenza il corso della politica francese, ma modella anche il nostro futuro, a livello globale.

Ma Jacques Attali è semplicemente un portavoce, che presenta piani per potenti reti globaliste, o è la vera mente che spinge tutti verso un Grande Reset?

Attali è nato il 1 novembre 1943 nell’Algeria francese. Suo padre, Simon Attali, raggiunse il successo con il suo negozio di profumeria Bib et Bab ad Algeri. Ma due anni dopo l’inizio della guerra d’indipendenza algerina (1954-1962) decise di trasferirsi a Parigi con la famiglia.

Jacques Attali ha studiato nelle migliori università francesi, ottenendo il dottorato di ricerca in economia presso l’Università Paris Dauphine nel 1972. La sua carriera politica è iniziata durante il mandato come professore di economia presso la stessa università. Conosciuto per essere stato consigliere speciale del presidente francese François Mitterrand dal 1981 al 1991, Attali ha anche diretto la campagna politica di Mitterrand per le elezioni presidenziali del 1974.

Presente nel panorama politico francese da quasi mezzo secolo, Attali ha scritto più di quaranta libri, alcuni dei quali potrebbero essere descritti come visioni utopiche e altri come profezie. Ha anche co-fondato Eureka, un programma intergovernativo europeo per le nuove tecnologie che ha sviluppato, tra le altre cose, l’MP3.

Attualmente è presidente di Positive Planet, organizzazione globalista da lui fondata che contribuisce all’agenda globalista 2030 delle Nazioni Unite, ovvero alla tirannia del governo globale che mira a rendere schiava l’umanità secondo lo schema “sviluppo sostenibile” e “uguaglianza”: non possederai nulla e sarai felice.

Accolto all’Eliseo da più di quarant’anni, Attali è uno dei consiglieri più influenti di generazioni di presidenti francesi di sinistra (l’elenco comprende anche Hollande), e sostiene apertamente di essere stato lui a “inventare” l’attuale presidente Emmanuel Macron.

Macron ha incontrato Attali dopo essersi laureato nel 2004 all’ENA, l’Ecole Nationale d’Administration, una delle più prestigiose grandes écoles del Paese e terreno fertile per i futuri presidenti francesi.

Leggi anche:  Robot Killer, la NATO ha schierato sul campo il suo primo esemplare

Attali avrebbe svolto un ruolo fondamentale nell’aprire un nuovo capitolo nella vita di Macron, guadagnandogli ricchezza e aumentando la sua comprensione del sistema finanziario globale.

Proprio avendo in tasca una raccomandazione di Attali, Macron è entrato a far parte di Rothschild & CIE Banque, banca d’investimento di proprietà di Rothschild & Co. In seguito, il giovane Macron ha scalato rapidamente i ranghi della banca fino a diventarne un socio dirigente. E milionario.

Sulla copertina della rivista francese Liberation si leggeva tempo fa: “Attali, l’altro presidente”.

Attali, in un talk show politico francese, nel 2014 ha predetto che la terza guerra mondiale sarebbe iniziata con l’Ucraina. Un video che si conclude con l’avvertimento dell’ex presidente francese Nicolas Sarkozy: “Procederemo insieme verso un nuovo ordine mondiale, e nessuno, e dico proprio nessuno, potrà opporsi”.

Come la sua controparte globalista, il leader del World Economic Forum Klaus Schwab, Jacques Attali è l’architetto che plasma il futuro restando dietro le quinte. Tuttavia, il 6 dicembre 2020, l’arcivescovo Viganò ha indicato proprio in Attali l’origine del Grande Reset di Schwab. L’arcivescovo Viganò ha scritto quanto segue: “Il 19 novembre 2020 il fondatore del WEF, Klaus Schwab, ha dichiarato che ‘il Covid è un’opportunità per un ripristino globale’. In realtà, Schwab ripeteva pedissequamente quanto affermato da Jacques Attali sul settimanale francese L’Express del 3 maggio 2009”.

Nel maggio del 2009, un anno prima dello scenario “lock step” della Fondazione Rockefeller, Attali pubblicò un saggio, Change, as a Precaution, in cui esprimeva la speranza che la pandemia (a quell’epoca l’influenza aviaria) scatenasse le “paure da ristrutturazione”. Con questo, Attali intende il tipo di paura che innescherebbe una “ristrutturazione della società”. Attali ha scritto: “La storia ci insegna che l’umanità evolve in modo significativo solo quando ha veramente paura”.

Nel suo libro 21st Century Dictionary, pubblicato nel 1998, Jacques Attali descrive una futura pandemia come occasione per stabilire una forza di polizia mondiale che alla fine diventerà una potenza planetaria. Sottolinea termini specifici, inclusa la parola “epidemia”, e afferma: “Prenderemo misure planetarie di contenimento, che metteranno brevemente in discussione il nomadismo e la democrazia”.

Altri termini usati da Attali sono “terapia genetica”, “terapia genica con nanotecnologie” e “panico”.

“Il motore dei mercati e della democrazia è il panico, il processo tipico del gregge, in cui ognuno imita l’altro per paura di essere emarginato e lasciato indietro: non un malfunzionamento della civiltà occidentale ma la sua stessa essenza”.

Affascinante la sezione Prevenzione: “Il primo rischio dal quale continueremo a volerci proteggere è la malattia. La prevenzione invaderà la nostra intera esistenza”.

Nella sezione Repubblica, egli delinea un futuro di nazioni senza confini, affermando: “Soprattutto, ciò che rimane particolarmente importante è inventare una repubblica senza territorio, senza muri”.

Attali poi, a proposito del Reddito, prevede l’introduzione di un “reddito universale” e il lavorare da casa tramite il “telelavoro”: “Ogni persona forse un giorno avrà diritto a un reddito dignitoso pagato dallo Stato indipendentemente da qualsiasi attività: il reddito universale… Più della metà di tutti i lavoratori non sarà più impiegata… Il lavoro da casa tramite il telelavoro (home office) rappresenterà la metà di tutti i lavori”.

Leggi anche:  Quanto spende l'Italia per armare il regime di Kiev?

Il best seller di Attali del 2011A Brief History of The Future: a brave and controversial look at the twenty-first century (in italiano, Breve storia del futuro), è stato definito dal pericoloso globalista Henry Kissinger “brillante e provocatorio… difficile da scartare”. In un capitolo intitolato Le armi dell’iperconflitto, le previsioni di Attali riassumono gli obiettivi del World Economic Forum per rimodellare l’umanità e ottenere il controllo completo su ogni aspetto della nostra vita.

“Nei prossimi cinquant’anni, le nuove tecnologie saranno sviluppate dagli eserciti prima di essere utilizzate per il mercato civile. Per esigenze di difesa o di polizia, i governi finanzieranno la ricerca necessaria al perfezionamento delle tecnologie di iper-sorveglianza e autosorveglianza. E queste tecnologie avranno poi applicazioni civili.

“Le armi del futuro, infatti, si baseranno essenzialmente sul concetto di sorveglianza. Gli eserciti svilupperanno immediatamente infrastrutture digitali di ubiquità nomade, sistemi di sorveglianza per movimenti sospetti, mezzi per proteggere le installazioni strategiche e una rete di intelligence economica. Robot (nascosti nel territorio nemico) e droni (robot volanti) trasmetteranno dati, rileveranno agenti chimici o biologici e fungeranno da esploratori davanti ai distaccamenti di fanteria che si trovano di fronte ad aree minate o punti ciechi. Il software che simula la battaglia verrà aggiornato in modo permanente il più vicino possibile ai campi di battaglia.

“Inoltre, nuove unità di combattimento saranno integrate con i mezzi di simulazione, sorveglianza e attacco. Nuove reti e strumenti di ubiquità nomade consentiranno ai combattenti di rimanere connessi e simulare ogni tipo di situazione. L’abbigliamento intelligente servirà a fabbricare nuove uniformi; nuovi materiali consentiranno di progettare nuovi scudi. Le tecnologie di simulazione tridimensionale aiuteranno a preparare e svolgere missioni di combattimento, mentre i robot funzioneranno come sostituti dei veri combattenti.

“I sistemi elettronici (bombe elettroniche) saranno in grado di distruggere le reti di comunicazione e lasciare una forza avversaria cieca e sorda.

I marines giocheranno un nuovo ruolo nella lotta contro i tracker, nella sorveglianza dell’emigrazione e nella protezione degli stretti strategici. Gli aerei da combattimento non saranno più utili come oggi e perderanno la loro influenza strategica e nei budget militari.

“Le nuove armi cosiddette convenzionali saranno tanto più necessarie in quanto le armi non convenzionali (nucleari e altro) saranno sempre più ampiamente diffuse.

[…] Entro il 2040 o il 2050, un totale di più di quindici paesi possiederà apertamente armi nucleari e i mezzi per consegnarle.

“La penuria di petrolio spingerà paesi diversi verso la produzione di centrali nucleari civili. Ciò li porterà a utilizzare come combustibile rifiuti riciclati, noti come MOX, moltiplicando ulteriormente i rischi di proliferazione e anche di “scomparsa” dei rifiuti (durante il trasferimento di questi materiali radioattivi). Tali rifiuti potrebbero quindi essere utilizzati per fabbricare armi radiologiche mescolando scorie nucleari ed esplosivi convenzionali.

“Appariranno poi altre armi: chimiche, biologiche, batteriologiche, elettroniche e nanotecnologiche. Come per le nuove tecnologie civili che prefigureranno, gli scienziati si sforzeranno di aumentarne la potenza, la miniaturizzazione e la precisione. Le armi chimiche saranno in grado di scovare e uccidere leader senza essere scoperti; le pandemie potrebbero essere pronte per scatenarsi a volontà; armi genetiche complesse potrebbero un giorno essere dirette specificamente contro certi gruppi etnici.

Leggi anche:  Il Chinagate di Biden: documenti top secret e affari di famiglia con la Cina

“Nanorobot piccoli come un granello di polvere, noti come gelatina grigia, potrebbero svolgere missioni di sorveglianza furtiva e attaccare le cellule dei corpi nemici. Quindi, una volta che le tecniche di clonazione degli animali saranno progredite, gli animali clonati potrebbero benissimo svolgere missioni: bombe animali viventi, mostri usciti da incubi.

“Queste armi non saranno sviluppate solo nei laboratori militari dei paesi potenti, ma anche da grandi imprese, “imprese circensi”, che troveranno per loro nuovi mercati. Come sempre, gli armamenti rimarranno al centro dell’apparato industriale e finché non ci sarà il super-impero i mercati pubblici saranno essenzialmente orientati verso il settore degli armamenti. Le grandi compagnie assicurative e le compagnie mercenarie raccoglieranno quindi il testimone.

“La maggior parte di queste armi sarà accessibile alle piccole nazioni, ai non-Stati, ai corsari, ai pirati, ai mercenari, ai guerriglieri, alle mafie, ai terroristi. In un futuro non lontano, ad esempio, sarà possibile realizzare una bomba elettronica a 400 dollari da un condensatore, una bobina di filo di rame e un esplosivo. Le armi chimiche, radiologiche e biologiche saranno, così, alla portata di tutti. Uccidere sempre più persone con mezzi rudimentali diventerà una triste possibilità. Nelle città e nei trasporti di massa l’affollamento moltiplicherà l’efficacia delle armi più primitive.

“Infine (e forse soprattutto), poiché nessuna guerra può essere vinta se i popoli che la combattono non la ritengono giusta e necessaria, e se non si mantiene la lealtà dei cittadini e la loro fede nei suoi valori, le principali armi del futuro saranno gli strumenti di propaganda, comunicazione e intimidazione”.

Nella rete dei globalisti, Jacques Attali interpreta il ruolo di un profeta. In un video del 2015 al Louvre e al Theatre Antique di Arles, Attali ha tenuto una conferenza di oltre un’ora sul suo libro, accompagnata da estratti di film e performance musicali. Sale sul palco in un grande teatro antico, vestito di bianco, e spiega le sue previsioni circa il futuro.

Attali è il portavoce e venditore di queste potenti reti globaliste e il suo ruolo è quello di rivelare ciò che è già pianificato. Ulteriori prove di questa potente rete le fornisce in un editoriale scritto su Express Magazine nel maggio 1998 intitolato Il triangolo del potere, dove spiega: “Tre entità in una società civile moderna condividono la maggior parte del potere: la politica, i mass media e il sistema giudiziario. L’equilibrio di questi tre poteri porterà il popolo a rifiutarli nel loro insieme. Tuttavia, bisogna essere consapevoli che i loro destini sono intrecciati. Politici, giornalisti e magistrati hanno avuto la stessa educazione; condividono gli stessi valori, provengono dagli stessi circoli sociali. Tuttavia, sono una minoranza nella popolazione. Si salveranno o periranno insieme”.

Ancora una volta, Jacques Attali dimostra le sue capacità precognitive. Nel 2022, gran parte della popolazione sta rifiutando il “triangolo del potere”, ma puoi star certo che questa minoranza ha già un piano in atto. Come ha detto il professor Attali: “Si salveranno o periranno insieme”.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo:

Leave A Comment

Recommended Posts

USA

Gli strani investimenti di Farmer Bill

Anno dopo anno, aumentano gli investimenti – ingentissimi – in terreni agricoli che già gli sono valsi il soprannome di Farmer Bill, Bill il contadino. Bill Gates è tante cose, ora è anche il più grande latifondista degli Stati Uniti: i suoi possedimenti sono arrivati ad almeno 275mila […]