Tempo stimato di lettura: 5 minuti

La Commissione Europea guidata da Ursula von der Leyen continua a inanellare un flop dopo l’altro in tutti settori. Non è stata finora in grado di salvaguardare gli interessi europei nel conflitto in Ucraina, di gestire o arginare la drammatica crisi energetica che sta de-industrializzando la principale potenza economica mondiale (la Ue), non riesce a garantire la sicurezza dei confini esterni dai flussi migratori illegali (ma in questo non fa meglio delle commissioni che l’hanno preceduta) e sembra non riuscire neppure a nominare un inviato speciale nel Golfo Persico che possa godere di una qualche credibilità politica, se non agli occhi di italiani ed europei almeno a quelli dei leader delle nazioni di quella regione.

La ciliegina sulla torta l’ha messa ieri il presidente von der Leyen parlando della guerra in Ucraina con una gaffe di proporzioni strategiche che conferma come la propaganda, specie quella di guerra, è una cosa troppo seria per lasciarla gestire ai “dilettanti” oggi alla testa dell’Unione Europea.

Ai fallimenti politici che hanno portato l’Europa ad aver già perso la guerra che pur senza combatterla, si è aggiunta ieri la dimostrazione palese della inadeguatezza del presidente e del suo staff sul fronte mediatico, non certo secondario in tempi di crisi e conflitti.

Come è noto il presidente della Commissione Europea ha postato in rete un video in cui annunciava la volontà di deferire la Russia a una corte penale internazionale per i crimini compiuti in questa guerra e di compensare i danni subiti finora dall’Ucraina, stimati dalla Ue in 600 miliardi di euro), utilizzando i 300 miliardi della Banca Centrale Russa e i 19 miliardi appartenenti a società private di Mosca congelati in Europa dopo il 24 febbraio scorso.

Beni bloccati ma che secondo molti esperti, anche della Commissione Ue, appare legalmente difficile confiscare per donarli a Kiev tenuto conto che ogni eventuale misura finanziaria adottata sui fondi russi immobilizzati in base a sanzioni o provvedimenti varati dalla Ue dovrà garantire la restituzione dei beni una volta tolte le misure restrittive.

Leggi anche:  Chi è responsabile della guerra in Ucraina, chi se ne rallegra?

Forse la signora von der Leyen si sentiva rassicurata dalla consapevolezza che in gran parte delle nazioni d’Europa la guerra viene raccontata, descritta e commentata secondo copioni e note di linguaggio scritti da Kiev e dagli anglo-americani e che gran parte dei governi d’Europa e la stessa Commissione Ue hanno semplicemente assimilato.

01-16

Forse nella foga di dipingere le devastazioni che i russi hanno inflitto all’Ucraina, il presidente von der Leyen ha avuto un eccesso di partecipazione alla causa di Kiev (come dimenticarla vestita con i colori della bandiera ucraina). Pur con queste “attenuanti” resta il fatto che l’errore compiuto è grave quanto dilettantesco poiché il presidente ha reso note una parte delle informazioni in suo possesso che dovevano restare “solo per i suoi occhi”.

La signora von der Leyen ha infatti citato numeri “sensibili”, solitamente coperti da segreto durante una guerra, relativi alle perdite subite da Kiev: “oltre 20 mila civili e più di 100 mila militari”.

Il video, pubblicato ieri mattina su twitter è stato successivamente corretto tagliando il brano in cui vengono citati i numeri che dovevano restare segreti a tutti, all’opinione pubblica in Europa e Stati Uniti ma soprattutto all’opinione pubblica ucraina dove pur in assenza di ogni forma di opposizione (le leggi di Zelensky approvate dal parlamento hanno di fatto tolto, con la minaccia del carcere per l’accusa di essere “filo-russi”, ogni dissidenza e libertà d’espressione e di stampa) tali numeri offrono la percezione del costo umano di questa guerra.

6ac95b2-1e47cc7-a1e2980-69090

Considerati gli stessi rapporti, anche personali, tra Zelensky e il presidente della Commissione Ue, è lecito ritenere che i numeri citati siano corretti come sembrerebbero confermare anche le reazioni alla loro diffusione con molte fonti confidenziali che riferiscono di pesanti rimproveri giunti allo staff della Commissione Ue fa da Kiev, Washington e Londra che vedono vanificati molti dei loro sforzi tesi ad alimentare la narrazione propagandistica bellica.

Leggi anche:  Mosca minaccia: I tank a Kiev portano alla catastrofe

Secondo le stime dell’ONU le vittime civili del conflitto al 29 novembre erano 6.655 morti e 10.368 feriti dall’inizio dell’invasione russa anche se l’agenzia delle Nazioni Unite per i diritti umani sottolinea che i dati reali sono probabilmente molto più alti, anche perché molte segnalazioni di vittime civili devono ancora essere confermate.

Sulle perdite militari Kiev non ne ha mai rivelato l’ammontare complessivo mentre il ministro della Difesa russo, Sergey Shoigu, il 20 settembre aveva riferito pubblicamente che le perdite militari ucraine ammontavano a 61.207 morti e 49.368 feriti, ammettendo perdite russe pari a solo 5.937 militari: cifra quest’ultima ritenuta da molti in Occidente non attendibile ma che in ogni caso non teneva conto delle perdite subite dalle milizie del Donbass e dai contractors del Gruppo Wagner.

Considerando attendibili i numeri forniti dalla von der Leyen è possibile valutare che le stime di Shoigu fossero sbagliate per difetto, oppure dovremmo ritenere che le controffensive ucraine degli ultimi due mesi e mezzo hanno portato ad alcuni successi ma a prezzo di perdite davvero spaventose, come sostengono del resto molti osservatori in Russia e in Occidente.

Occorre inoltre tenere conto che se gli ucraini hanno registrato oltre 100mila morti vanno considerati almeno il triplo o più di feriti. Da un lato, la gaffe appare ancora più ridicola se si tiene conto che il presidente von der Leyen è l’ex ministro della Difesa tedesco e dovrebbe quindi avere una certa dimestichezza con la gestione di informazioni e dati riservati, dall’altro fa ben comprendere in che “mani sicure” sia riposta la nostra sicurezza.

“Non possiamo confermare questi dati, sottolineiamo che le perdite dell’esercito ucraino sono informazioni ufficiali e riservate, e sono soggette a restrizioni per la pubblicazione” ha detto ieri il capo della comunicazione delle forze armate ucraine, Bohdan Senyk.

1373245

Sarcastico il tweet del vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, Dmitry Medvedev. “Ursula ‘the Wild Dame’ ha twittato che l’Ucraina ha perso ‘100.000 militari’ perché tutto il mondo lo vedesse. Il tweet è stato svuotato e modificato.

Leggi anche:  Quanto spende l'Italia per armare il regime di Kiev?

Chiaramente, Washington ha richiamato la dama all’ordine, e non ci è andata piano con lei. Sembra alquanto umiliante. L’Ue non esiste, è solo il 51esimo Stato”, ovviamente riferendosi a quelli che compongono gli Stati Uniti d’America.

Affascinante l’ipotesi che i numeri delle perdite ucraine siano stati resi noti per una precisa volontà politica per poi attribuirne la diffusione a un errore ma solitamente i “lavori sporchi” vengono affidati a figure per definizione “sacrificabili” come i portavoce, non ai leader che vanno sempre e comunque protetti da simili scivoloni.

In effetti la “pezza” posta dalla Commissione Europea è forse peggio del “buco” che ha cercato di coprire. “Molte grazie a coloro che hanno segnalato l’inesattezza delle cifre in una versione precedente di questo video” ha detto la portavoce di Ursula von der Leyen, Dana Spinant commentando la correzione al tweet e il “tagli” al video contenente i numeri che dovevano restare segreti.

Con sprezzo del ridicolo la portavoce ha affermato che i dati diffusi erano sovrastimati: “la stima utilizzata, proveniente da fonti esterne, avrebbe dovuto riferirsi alle vittime, cioè sia morti che feriti, e aveva lo scopo di mostrare la brutalità della Russia”.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo:

Leave A Comment

Recommended Posts

Ambiente

Sulle orme di Greta

Dopo che la Thunberg ha dichiarato di farsi da parte, manca un nome forte a cui passare il testimone di eroina green. Le candidate non mancano. Ecco chi sono e che cosa vogliono. AAA Cercasi disperatamente nuova Greta. Da quando l’icona svedese […]

Guerra

Le sfide di un comandante

La guerra in Ucraina è il primo conflitto convenzionale e ad alta intensità combattuto sul continente europeo dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. I combattimenti, che compaiono negli aggiornamenti informativi, nei video e nelle foto condivise sui social media, avvengono con modalità […]

Filosofia

Libertà e insicurezza

John Barclay, nel suo profetico romanzo Argenis (1621), ha definito in questi termini il paradigma della sicurezza che i governi europei avrebbero più tardi progressivamente adottatto: «O rendi agli uomini la loro libertà o dai ad essi la sicurezza, per la quale abbandoneranno la […]