Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Majid Reza Rahnavard, 23 anni, sottoposto a un processo-farsa e giustiziato davanti ai bassiji. La reazione dell’Ue inizia a inasprirsi, con Borrell che annuncia “sanzioni molto dure”. Intanto però Bruxelles “ribadisce il suo impegno e il suo continuo sostegno” al deal sul nucleare. Una reiterata disponibilità al dialogo che suona come una beffa

Un’altra alba e un’altra esecuzione nell’Iran che ha paura di dormire perché ogni mattina si rinnova lo strazio. Majid Reza Rahnavard aveva 23 anni, era un fruttivendolo e anche un atleta, un lottatore professionista, e sui social network si rincorrono le immagini dei suoi allenamenti, immagini di una vitalità inconciliabile con quest’alba di morte. Accusato di aver accoltellato due bassiji il 17 novembre, Rahnavard è stato catturato il 19, e da quel giorno fino alle prime luci di ieri, le autorità lo hanno umiliato e torturato, gli hanno estorto una confessione, lo hanno sottoposto a un processo-farsa a porte chiuse e condannato all’impiccagione per omicidio e “inimicizia verso Dio”. Rahnavard è infine stato giustiziato, ieri, a Mashhad, poco prima dell’ora della preghiera.

L’agenzia della magistratura, Mizan, ha reso noto che l’esecuzione è avvenuta “in pubblico”, ossia davanti a uno schieramento di bassiji. Sui canali Telegram vicini al regime circola una foto, al momento impossibile da verificare, di un uomo vestito di bianco, appeso a una gru, le mani e i piedi legati e un sacco nero sopra la testa, e un video della stessa scena in cui una voce grida “Allahu akbar”.

La famiglia Rahnavard è stata avvisata solo a cose fatte. Nell’ultimo scatto che immortala il giovane manifestante accanto alla madre, lui sorride e lei lo accarezza con gli occhi. “Lei credeva che sarebbe stato rilasciato”, hanno raccontato fonti vicine alla famiglia a proposito dell’ultimo incontro tra madre e figlio. E invece, alle sette della mattina a casa Rahnavard è squillato il telefono e la famiglia è stata invitata a raggiungere il lotto 66 del cimitero di Behesht-e Zahra. Nessuna speranza di rivederlo un’ultima volta, il giustiziato era già stato sepolto. “Diletto della patria! Martire della nazione!”, hanno scandito i famigliari, indomiti davanti all’orrore, mentre disponevano fiori sulla terra fresca.

Leggi anche:  Storia di un contabile che il Vaticano ha "condannato" a una morte precoce

Nel frattempo i toni dell’Unione europea verso la Repubblica islamica iniziano a inasprirsi. Ieri l’Alto rappresentante per la politica estera dell’Ue, Josep Borrell, ha annunciato “un pacchetto di sanzioni molto dure”. Nelle conclusioni del Consiglio sulla situazione in Iran, i 27 hanno espresso solidarietà verso le aspirazioni degli iraniani e condannato l’uso brutale e sproporzionato della forza nei confronti dei manifestanti. E tuttavia, a un anno esatto dall’ultima chance concessa al negoziato dall’allora ministro degli Esteri del Regno Unito Liz Truss, l’Ue “ribadisce il suo impegno e il suo continuo sostegno alla piena ed effettiva attuazione del Jcpoa”, il deal sul nucleare. Per gli iraniani che giorno dopo giorno rischiano la vita per affermare l’illegittimità del regime questa reiterata disponibilità al dialogo suona davvero come una beffa, e intanto le autorità iraniane rilanciano la sfida annunciando sanzioni nei confronti di dieci persone e cinque entità europee, colpevoli di aver “sostenuto gruppi terroristici e incoraggiato la violenza e il terrorismo”: c’è anche Charlie Hebdo e ci sono anche molti esponenti della politica tedesca.

Fonte:
Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo:

Leave A Comment

Recommended Posts

Scienza

Perché ci preoccupa l’Intelligenza Artificiale

Non abbiate timore dell’intelligenza artificiale, ci rassicura il filosofo Maurizio Ferraris dalle colonne del Corriere della sera. Il bersaglio non esplicitato siamo noi conservatori, ritenuti apocalittici, antitecnologici, un po’ heideggeriani e tanto stupidi. In particolare mi sono sentito chiamato in causa perché in un […]

Opinioni

Né con lo Stato né con Cospito? Le follie di carta

A ispirare quell’acidissimo titolo di prima pagina di Domani, il giornale di Carlo De Benedetti, contro Giorgia Meloni, impegnata nella “strategia della tensione” sul caso Cospito, dev’essere stato anche il rimprovero – chiamiamolo così – mosso personalmente dalla presidente del Consiglio al detenuto anarchico in […]