Tempo stimato di lettura: 3 minuti

L’amministrazione Biden ha annunciato oggi il più grande pacchetto di generosità militare mai fornito all’Ucraina, per un valore di oltre 3 miliardi di dollari, di cui 2,85 miliardi di dollari saranno armi e attrezzature militari ritirate dalle scorte statunitensi per il trasferimento diretto in Ucraina.

Il pacchetto, l’ultimo di una serie consistente, include 50 veicoli da combattimento della fanteria Bradley con 500 missili anticarro TOW e 250.000 colpi di munizioni da 25 mm, 100 veicoli corazzati M113, 55 veicoli protetti da imboscate resistenti alle mine (MRAP), 138 veicoli a ruote multiuso ad alta mobilità (HMMWV) e un’aggiunta 18 obici semoventi da 155 mm, insieme a una varietà di altre armi, munizioni e altri veicoli e attrezzature.

Il pacchetto include anche 225 milioni di dollari in finanziamenti militari stranieri «per contribuire alla capacità a lungo termine e alla modernizzazione dell’esercito ucraino».

Il segretario di Stato Antony Blinken ha annunciato ulteriori 682 milioni di dollari in finanziamenti militari esteri per i paesi europei per aiutare a incentivare e riempire le donazioni di attrezzature militari all’Ucraina. Blinken ha anche affermato che l’amministrazione prevede di fornire ulteriori 907 milioni di dollari di finanziamento militare straniero ai sensi dell’Additional Ukraine Supplemental Stanziations Act del 2022 per «sostenere l’Ucraina e i paesi colpiti dalla guerra della Russia in Ucraina».

Il sostegno totale che l’amministrazione Biden ha fornito all’Ucraina ammonterà a 24,9 miliardi di dollari.

Gli annunci di oggi fanno seguito a una dichiarazione della Casa Bianca di ieri dopo una telefonata tra il presidente Joe Biden e il cancelliere tedesco Olaf Scholz, che hanno riferito di aver «espresso la loro comune determinazione a continuare a fornire il necessario sostegno finanziario, umanitario, militare e diplomatico all’Ucraina per tutto il tempo come necessario»

Leggi anche:  Basi di guerra da Nord a Sud. L’Unità d’Italia rifatta dalla Nato

A tal fine, prosegue la dichiarazione, «gli Stati Uniti intendono fornire all’Ucraina veicoli da combattimento di fanteria Bradley e la Germania intende fornire all’Ucraina veicoli da combattimento di fanteria Marder. Entrambi i Paesi prevedono di addestrare le forze ucraine sui rispettivi sistemi».

Inoltre, Biden e Scholz «hanno affermato la loro intenzione di sostenere ulteriormente l’urgente necessità dell’Ucraina di capacità di difesa aerea».

La Germania lo farà fornendo una delle proprie batterie Patriot all’Ucraina. Successivamente, durante una riunione di gabinetto, Biden ha indicato che gli Stati Uniti invieranno una seconda batteria Patriot statunitense oltre a quella annunciata il mese scorso.

L’agenzia Reuters ha riferito oggi la Germania intende fornire 40 veicoli Marder all’Ucraina, mentre il vice cancelliere Robert Habeck (del partito dei Gruenen, i Verdi) ha affermato che Berlino potrebbe alla fine inviare la sua intera flotta funzionante di veicoli, che si pensa sia di circa 390.

Come riportato da Renovatio 21, l’ex ispettore delle armi delle Nazioni Unite in Iraq Scott Ritter sostiene che «Biden sta inviando all’Ucraina miliardi di dollari di armi che [gli ucraini] non possono usare correttamente», cagionandone la rottura rapida, e di qui la fame incessante di armamenti da parte delle truppe kievite.

Il fronte dei fornitori di armi del regime Zelens’kyj non è compattissimo. Come riportato da Renovatio 21, di recente due partiti nulgari si sono opposti a ulteriori invii di armi a Kiev; il governo della Confederazione Elvetica ha ribadito che non fornirà armi all’Ucraina.

Il Pentagono, che in precedenza  aveva ammesso di non avere idea di che fine facessero le armi una volta varcato il confine, ha annunciato che personale militare degli Stati Uniti opera in Ucraina per rintracciare le forniture di armi, qualcosa che finora non era stato fatto, con le armi che sarebbero arrivate ai soldati ucraini solo per il 30%, mentre il restante è finito a mercato nero, terroristi, organizzazioni criminali, dark web. L’Europol ha ammesso che armi «ucraine» sono già finite, ad esempio, alle mafie che operano in Finlandia.

Leggi anche:  Vi seppelliremo: la risposta della Russia a Usa e Ue. Come cambia la guerra

Il presidente della Nigeria ha dichiarato il mese scorso che le armi fornite dall’Occidente in Ucraina stanno «filtrando» in Africa presso gruppi terroristi e fondamentalisti che destabilizzano l’area.

Nel frattempo, l’Occidente che regala tutto all’Ucraina priva se stesso di sistemi per difendersi: la Repubblica Ceca ha dichiarato esaurite le sue scorte militari già a inizio conflitto, mentre è riportato che la Germania avrebbe munizioni solo per due giorni di guerra.

Fonte:
Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo:

Leave A Comment

Recommended Posts

Scienza

Perché ci preoccupa l’Intelligenza Artificiale

Non abbiate timore dell’intelligenza artificiale, ci rassicura il filosofo Maurizio Ferraris dalle colonne del Corriere della sera. Il bersaglio non esplicitato siamo noi conservatori, ritenuti apocalittici, antitecnologici, un po’ heideggeriani e tanto stupidi. In particolare mi sono sentito chiamato in causa perché in un […]

Opinioni

Né con lo Stato né con Cospito? Le follie di carta

A ispirare quell’acidissimo titolo di prima pagina di Domani, il giornale di Carlo De Benedetti, contro Giorgia Meloni, impegnata nella “strategia della tensione” sul caso Cospito, dev’essere stato anche il rimprovero – chiamiamolo così – mosso personalmente dalla presidente del Consiglio al detenuto anarchico in […]